Il Ninfeo, con i suoi giochi e scherzi d'acqua, è considerato l'esempio più significativo del genere in Italia settentrionale.

Il Ninfeo di Villa Litta a LainateFoto: Sergio D’Afflitto - CC BY-SA 4.0

Vicino alle porte di Milano vi è la Villa Borromeo Visconti Litta, nei secoli luogo di villeggiatura preferito da molte nobili famiglie che qui hanno concentrato ingenti risorse economiche. Ideatore dell'intero complesso fu il Conte Pirro I Visconti Borromeo il quale, ispirandosi alle ville medicee toscane, verso il 1585 trasformò la proprietà di Lainate in un luogo magico, facendo convergere in una mirabile sintesi la genialità dell'architetto Martino Bassi, degli scultori Francesco Brambilla il Giovane e Marco Antonio Prestinari, dei pittori Camillo Procaccini e Pier francesco Mazzuchelli detto il Morazzone. Il Conte fece realizzare i giardini e costruire il Palazzo delle Acque meglio conosciuto come Ninfeo.

Luogo di frescura di grande fascino e suggestione che, proprio per la ricchezza di decorazioni e di spettacoli idraulici, è considerato l'esempio più significativo dell'Italia settentrionale. L'edificio è costituito da stanze decorate a mosaico di ciottoli bianchi e neri e dipinti a tempera, una vera e propria unicità nella storia delle realizzazioni a mosaico a noi note. In alcuni di questi ambienti si possono ammirare spettacolari giochi e scherzi d'acqua, completamente ripristinati. Passeggiare in questi luoghi significa fare un salto indietro nel tempo, significa lasciarsi stupire dall'incanto di una Venere o di un Mercurio, da delfini, draghi e fanciulle realizzati a mosaico, da uno spruzzo improvviso che coglie il visitatore più curioso o da incantevoli zampilli, azionati ancora oggi da abili fontanieri.
La residenza diventò sede di feste e ricevimenti, luogo di studio e laboratorio di idee, accolse letterati, poeti e artisti. Proprietà del Comune di Lainate dal 1970, dopo sapienti opere di restauro, il complesso è tornato a vivere. Oggi a Villa Borromeo Visconti Litta il visitatore può ammirare tra le sale quella decorata da Giuseppe Levati, i balconcini dei musici nella Sala delle Feste e gli ampi soffitti affrescati nel Palazzo del Cinquecento. Lo spettacolo continua all'esterno con i giardini all'Italiana, le settecentesche fontane di Galatea e del Nettuno, il parco con 56 specie diverse di alberi e una "carpiata" recuperata.

L.go Vittorio Veneto 12, 20020 Lainate (MI)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.villalittalainate.it - www.amicivillalitta.it
02 93598267

Viaggiatori su Instagram

Video: Vimercate

Cerca nel sito

Booking.com


Questo sito può avvalersi di cookie tecnici, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Viaggiatori.com non utilizza cookie di rilevamento.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.