• 1

«Sei bella, invecchi sul filo del tempo, ma la tua bellezza resta eterna nei miei versi» - Nizar Qabbani

Djerba è un piccolo gioiello del Mediterraneo nel Golfo di Gabes, nel sud-est della Tunisia, una delle principali mete turistiche del Paese con Hammamet, Tabarka, Monastir e Port El Kantaoui. Spiagge di sabbia bianca finissima, natura incontaminata e rigogliosa, clima mite tutto l’anno, paesi di pescatori con dedali di stradine e negozi di artigianato locale che vendono ceramiche fatte a mano. Ma Jerba è anche un’isola ricca di storia ed eredità ed esempio di pacifica convivenza di culture e religioni. Qui si trova, infatti, una delle ultime comunità di ebrei del Nord Africa: arrivata nel lontano 586 A.C., ancora oggi conta alcune centinaia di membri che vivono in armonia con la comunità musulmana. La sinagoga di Ghriba, nel villaggio di Hara Seghira, è tra le più antiche del Mediterraneo e meta di pellegrinaggio per i fedeli di tutto il mondo.

Djerba, GhribaLa sinagoga di Ghriba (Foto: Citizen59, via Flickr - CC BY-SA 2.0)

Djerba è una perfetta combinazione di molti elementi, che incontrano i desideri di viaggiatori di ogni tipo. Il classico soggiorno di mare si trasforma in un’esperienza unica grazie all’atmosfera degli hotel di charme – Dar in arabo, che rievocano la magia de Le Mille e una notte. Nel villaggio di Erriadh se ne trovano diversi, ognuno con un suo tocco caratteristico nello stile e nell’arredamento curato in ogni dettaglio: calma e riservatezza sono di casa in queste dimore con poche camere e un servizio su misura per ciascun ospite. Il mare ha portato a Jerba numerosi doni: oltre a lunghe distese di bagnasciuga e un mare limpidissimo, l’isola è apprezzata per i suoi numerosi centri di talassoterapia, dove l’utilizzo dell’acqua di mare per scopi terapeutici permette di donare sollievo e benessere grazie a diversi trattamenti di ultima generazione.

Djerba, Houmt SoukHoumt Souk (Foto: Daniel Perries, via Flickr - CC BY-NC-ND 2.0)
Djerba, Houmt SoukHoumt Souk (Foto: Citizen59, via Flickr - CC BY-SA 2.0)

Chi vuole approfondire l’affascinante storia di quest’isola, crocevia di popoli e terreno fertile per artisti di tutto il mondo, può visitare il Museo del Patrimonio Tradizionale, a Houmt Souk, che custodisce antichi abiti, monili e numerosi reperti archeologici; sempre qui sorgono la Moschea degli Stranieri dalle numerose cupole e la Moschea dei Turchi, con il caratteristico minareto circolare di eredità ottomana. A Erriadh merita una visita Djerbahood. È qui che il gallerista franco-tunisino Mehdi Ben Cheikh ha scelto nel 2014 di avviare un progetto per trasformare un villaggio tradizionale tunisino in un vero e proprio museo a cielo aperto di street art. Il progetto, unico nel suo genere, conta quasi 300 murales eseguiti da 150 artisti di nazionalità e culture diverse.

DjerbahoodDjerbahood (Foto: www.djerbahood.com)
DjerbahoodDjerbahood (Foto: www.djerbahood.com)
DjerbahoodDjerbahood (Foto: www.djerbahood.com)
DjerbahoodDjerbahood (Foto: www.djerbahood.com)
DjerbahoodDjerbahood (Foto: www.djerbahood.com)
DjerbahoodDjerbahood (Foto: www.djerbahood.com)

Nel versante orientale, a Midoun, ci accoglie il Parc Jerba Explore un parco di attrazioni che offre una vasta gamma di attività ed è famoso in particolare per una riserva di circa 400 coccodrilli importati dal Madagascar. Nello spazio dedicato al Jerba Heritage è stato ricostruito un tipico nucleo abitativo nel quale si possono visitare le riproduzioni delle antiche abitazioni tunisine e conoscere da vicino le tradizioni artigianali che hanno caratterizzato la vita della popolazione locale. Molto interessante anche il Lalla Hadrian Museum, un museo di arte, storia e cultura che documenta l'influenza esercitata dall'arte islamica in questa parte del bacino del Mediterraneo.

Djerba Island Tunisian Heritage Museum

La foto dell'intestazione è di Wolfgang Jung, via Flickr (CC BY-NC 2.0)

Viaggiatori su Instagram

Video: Vimercate

Cerca nel sito

Booking.com


Questo sito può avvalersi di cookie tecnici, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Viaggiatori.com non utilizza cookie di rilevamento.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.